MATRICE PARMA E IL NOVECENTO

I percorsi turistici ideati da Matrice Parma toccheranno monumenti, quartieri e anche luoghi periferici di cui molti parmigiani ignorano l’esistenza. Sarà un’occasione per scoprirli o rivalutarli grazie al supporto di mappe multimediali, ricostruzioni 3D e contenuti audiovisivi.

Una serie di percorsi saranno esclusivamente dedicati al racconto della storia del Novecento di Parma: il secondo conflitto mondiale, i cittadini che operarono in clandestinità sotto il fascismo, la vita cittadina in assenza di libertà, i modelli democratici e molti altri temi.

Il Novecento non è caratterizzato solo dalle guerre mondiali ma è anche il secolo dei nuovi apparecchi tecnologici che influenzano il successivo sviluppo economico. Lo testimonia la collezione del museo “Rover Joe” di Fidenza, partner di Matrice Parma, che espone 1.800 esemplari di macchine cifranti, come la celebre macchina Enigma, e numerosi mezzi di comunicazione.

Un altro approfondimento di Matrice Parma sarà la storia di Parma ebraica. Gli episodi più drammatici delle persecuzioni e le preziose testimonianze del nostro territorio raccolte nei preziosi volumi della Biblioteca Palatina, custode di una raccolta di documenti e codici tra i più importanti al mondo.

UN MODO NUOVO DI FARE CULTURA

Nell’anno di Parma Capitale della Cultura il patrimonio culturale deve essere raccontato in maniera innovativa in modo da poter valorizzare al meglio la città.    Matrice Parma vuole realizzare questo intento e lo vuole fare superando i tradizionali e rigidi percorsi turistici finora presenti sul web.

La matrice lavorerà infatti in modo da permettere agli utenti di muoversi tra i contenuti del “Museo Digitale” in maniera liquida in base alle esigenze espresse nell’immediato.             I contenuti potranno anche essere proposti dagli utenti, proprio perché #OgniRaccontoConta per ampliare e rendere completo il racconto di Parma. Una volta che questi vengono accettati dalla redazione tematica saranno immediatamente disponibili sulla rete.

Il Tavolo di Lavoro a cui si uniranno tutti coloro che vogliono collaborare a Matrice Parma sarà permanente e sempre aperto a nuovi partner. Il coinvolgimento di aziende insieme alla piattaforma digitale potranno essere la base attraverso cui promuovere iniziative di sviluppo e promozione non solo per il presente ma anche per il futuro di Parma.

Il viaggio di Matrice Parma continua

Venerdì 12 luglio presso la Sala Conferenze Ponte Romano si è tenuta la presentazione di Matrice Parma. Ringraziamo tutti coloro che vi hanno partecipato per avere una prima idea del progetto o per sostenerlo. 

Matrice Parma vuole promuovere la città e i suoi dintorni in vista di Parma Capitale della Cultura Italiana 2020 ma vuole anche essere la base su cui impostare azioni di sviluppo e promozione del territorio in vista del futuro. Una rete partecipativa in cui tutti possano raccontare Parma e i suoi dintorni e a cui tutti possano accedere tramite sito web, app mobile e non solo.

Ma come funziona la matrice? L’utente carica il contenuto sulla rete apposita, una redazione tematica ne appura l’attendibilità e lo sottopone ad un formato standard e voilà: quel contenuto è accessibile a chiunque si rivolga al motore di ricerca, la nostra matrice. Matrice che come il cubo di Rubik è strutturata in più livelli: argomenti, luoghi e tempo.

Il tutto per offrire al visitatore un nuovo racconto della città, fedele alla storia ma vivo e avvincente in percorsi personalizzabili a seconda delle necessità, degli interessi, della posizione e dei momenti in cui si trovi.

E questi sono solo i primi passi, continuate a seguire il viaggio di Matrice Parma

Pagina della Gazzetta di Parma per la presentazione del progetto:

Matrice Parma e Parma 2020

Capitale d’Arte, Cibo, Buon Vivere, oggi Parma decide di investire sulla cultura; veicolo di sviluppo sociale ed economico, di inclusione e sostenibilità. Questo con Parma 2020 il piano di valorizzazione territoriale rivolto a turisti e cittadini con cui la città sarà Capitale della Cultura Italiana il prossimo anno. Una città multiculturale in cui convivono e si intrecciano diversi tempi.

In quest’ ottica ha agito il bando per progetti culturali rivolti alla comunità, bando comunale cui hanno concorso più di 250 proposte.

Tra i progetti scelti c’è Matrice Parma: un museo digitale diffuso che racconti a più voci il territorio parmense e i suoi dintorni in percorsi personalizzati e coinvolgenti, basati sia sulla memoria che sull’ innovazione.

Matrice Parma e l’estate

È iniziata la stagione calda e con lei sono arrivate le lunghe giornate di sole. Giornate in cui Matrice Parma si prepara per il 2020 (quando Parma sarà Capitale della Cultura Italiana) organizzando incontri operativi tra i partner del progetto.

Tutto in vista del 12 luglio, data di presentazione ufficiale del progetto. Un progetto articolato che necessita di molteplici energie e competenze per narrare la città in tutte le sue sfaccettature ed in modo originale; destando curiosità e partecipazione in turisti e cittadini, coinvolgendo i giovani, valendosi della tradizione e della cultura così come delle nuove tecnologie. Per una racconto che continui nelle stagioni e nelle estati del futuro.